Afragola, Gentiloni: “Senza collegamenti non c’è possibilità di crescita”

Un’opera infrastrutturale metafora di “un Paese che rialza la testa”, di “un grande Paese orgoglioso delle sue grandi opere: dobbiamo avere il coraggio di ripeterlo ad alta voce, anche se è banale”: è Paolo Gentiloni, da Afragola, a raccontare con Graziano Delrio un Paese che torna a crescere a ritmi sostenuti e lo fa all’inaugurazione della stazione Fs dell’alta velocità disegnata da Zaha Adid, opera che la CNN ha definito “l’opera più bella del 2017”.

 

La stazione Alta velocità di Afragola è anche una “opportunitá” per il riequilibrio nei territorio, una occasione di “orgoglio” per il lavoro che gli italiani sanno fare, e di “impegno” per il governo e la classe dirigente a non sprecare una grande occasione, ha aggiunto.

 

“Non possiamo essere l’unico tra i grandi Paesi che non considera un gesto architettonico, un’opera che ha tutte le utilità, come una conquista, un passo avanti che lascerà il segno, una eredità -ha spiegato il presidente del Consiglio- A chi dice che questa è un’opera troppo grande, faraonica, diciamo che l’Italia deve aver l’orgoglio anche di lasciare questi segni e queste eredità”. Sappiamo che non sono mancati i ritardi nel corso del tempo, ma sappiamo anche che c’è stata una straordinaria accelerazione”.

 

Afragola contiene “tanti simboli, tanti motivi di soddisfazione ma anche tante sfide per l’immediato futuro. Inaugurandola, mettiamo sul tavolo promesse che dobbiamo mantenere”. Tra cui “due dei nodi piú complicati dei nostri trasporti”. Uno è quello del rapporto tra alta velocitá e trasporto locale, che deve essere di sinergia nel territorio. Il secondo è quello del Mezzogiorno e delle opportunitá di sviluppo che le infrastrutture gli offrono.

 

Afragola per questo “non è una caserma Bastiani, non è una trincea solitaria, una cattedrale nel deserto ma parte di un sistema in movimento. E l’impegno del governo deve essere quello di dare a questo movimento continuitá, stabilitá, e sicurezza”, come fatto con il decreto che assegna 47 miliardi a opere pubbliche nei prossimi 15 anni, di cui 20/25 ai trasporti.

 

Questa bellezza ci è cara, ha scritto in un tweet Graziano Delrio, perchè è una bellezza pubblica, a disposizione di tutti i cittadini.
La stazione di #Afragola -ha scritto ancora- come la Sa-Rc, simbolo per il Mezzogiorno e il Paese: da incompiuta a grande opera pubblica. si può fare e bene.